Menu Genialfox

I tuoi annunci e le tue ricerche sempre con te!

Accedi con

oppure

Password dimenticata?

Sei nuovo su GenialFox?

Registrati

News

Aprire un’enoteca

29 Ottobre 2019

Tutto quello che c’è da sapere prima di aprire un wine bar

 

Un elevato potenziale e un settore sempre in crescita: l’enologia rappresenta in Italia un’importante fetta di mercato, poiché non solo è uno dei prodotti maggiormente esportati all’estero, ma è anche uno dei Paesi che ne registra un elevato consumo.

L’enoteca, specialmente in regioni o denominazioni fortemente caratterizzate da una lunga tradizione vitivinicola, si pone come un’interessante fonte di business, capace di attrarre e rivolgersi a diverse tipologie di pubblico, coinvolgendoli in molteplici eventi e fungendo da aggregatore sociale.

Così come per tutti i tipi di imprese, fondamentale risulta essere la dettagliata pianificazione di un business plan e un’analisi del settore, della concorrenza, del proprio target di riferimento, della gamma di prodotti, del marketing, degli eventi e delle strategie di prezzo, soprattutto nel primo periodo di attività.

 

ITER BUROCRATICO

Rispetto ai requisiti generali da possedere, è necessario prevedere:

  1. la messa a normadi impianti e locale in materia di igiene, sicurezza, agibilità, destinazione, urbanistica
  2. la valutazione dell’impatto acusticonel caso in cui si preveda l’organizzazione di serate, eventi, feste o aperture sino a tarda notte
  3. nulla osta sanitario Asl
  4. nel caso si preveda il servizio di piatti caldi preparati in loco (non solo quindi freddi o riscaldati e precotti), sarà necessario adeguare il sistema di aspirazione dei fumi (cannafumaria)
  5. la richiesta del permesso per la vendita e somministrazione di alcolici e superalcolici all’Agenzia delle Dogane

LOCATION

E’ necessario innanzitutto condurre accurate analisi di mercato per poter individuare un locale ben posizionato e facilmente raggiungibile, con una metratura di almeno 50mq, ben visibile, con uno stile e un’immagine coerenti con il messaggio che si vuole trasmettere e trovare gli arredi interni, così da renderlo riconoscibile.

 

PRODOTTI

Il numero di etichette, la qualità e la tipologia di servizio sono elementi fondamentali da considerare quando si delinea la strategia di comunicazione dell’enoteca. Bisogna selezionare i vini distinguendo tra quelli più pregiati, gli internazionali, i locali, i biologici, quelli della casa: la gamma non solo deve essere ampia e completa per riuscire ad incontrare i gusti di tutti i clienti, ma anche originale per distinguersi dalla concorrenza. Da valutare inoltre, l’eventuale inserimento di altre tipologie di bevande, come birra e cocktail, o di piatti caldi/freddi da servire in accompagnamento.

TUTTI I VANTAGGI DEL FRANCHISING NEL MONDO DEL VINO

I vantaggi più competitivi e interessanti sono rappresentati dai seguenti aspetti, che riducono gli investimenti iniziali richiesti all’avvio dell’attività, portandoli a circa 10mila euro per i format più semplici:

  1. trasferimento del know-how aziendale
  2. formazione iniziale e periodica di tutto lo staff
  3. assistenza, consulenza e affiancamento costanti
  4. supporto per valutazione e scelta del locale più strategico
  5. progettazione e realizzazione chiavi in mano del wine bar
  6. fornitura completa di arredi, attrezzature, software, insegne, materie prime, materiale promozionale
  7. accesso a listini di fornitura esclusivi, con condizioni di fornitura altamente vantaggiose ed importanti agevolazioni, grazie al potere commerciale maturato dalla casa madre e dall’intera rete franchising
  8. studio del miglior assortimento di vini in base alla richiesta locale
  9. utilizzo di un marchio già noto e consolidato, di un’immagine riconoscibile, e delle campagne di promozione e comunicazione a livello nazionale, con conseguente ingesso nel settore con una posizione privilegiata ed elevata visibilità

 

Trova qui le migliori enoteche in franchising a cui affiliarti

 

Diversi sono invece i costi di partenza se decidi di aprire un wine bar in proprio. Basti considerare che, per un locale delle dimensioni minime di 50mq, è richiesto un investimento minimo di 70mila euro, comprensivo di gestione iniziale, adeguamento del locale, piccoli interventi di ristrutturazione, reperimento di arredi, attrezzature e prima fornitura di vini e prodotti vari, nonché i costi relativi ad adempimenti burocratici, marketing e primo stipendio del personale.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trova il franchising più adatto a te!

Hai deciso di cambiare vita e di aprire una nuova attività, ma non hai ancora le idee chiare su quale sia il franchising migliore o il prodotto che meglio racconta la tua passione? GenialFox ti aiuta a scoprirlo!

GenialTest