Tutto quello che c'è da sapere prima di aprire un negozio di accessori per animaliAprire un negozio di accessori per animali
Il franchising al tempo del covidIl franchising al tempo del Covid-19

Lo sviluppo di un modello di un business nato negli Stati Uniti

Un aspetto che accomuna molte realtà industriali B2B e B2C è il livello di attenzione riservato alla distribuzione: i produttori investono ingenti risorse per sostenere la pervasività dell’informazione commerciale fino all’ultimo anello della propria catena distributiva. E’ un atteggiamento comprensibile che spesso sconfina – se non proprio nel controllo – nella ricerca di esercizio di una forte influenza sui clienti con il fine di trasformarli in partner.

Un esempio di questo fenomeno è rappresentato dai flagship store, punti vendita progettati per comunicare in modo diretto ed efficace i valori e i punti di forza di una marca. I flagship store sono realizzati direttamente dall’azienda produttrice, spesso in punti strategici di grandi città e con costi difficilmente giustificabili se non nel contesto di un forte sostegno alla notorietà del marchio.

 

Ad uno stadio intermedio tra la distribuzione indipendente e i flagship store, si possono idealmente collocare i monomarca diretti, i negozi di proprietà dell’azienda, attraverso i quali produce e distribuisce i propri articoli. Non sempre queste soluzioni si rivelano interessanti e durature nel tempo: l’elevato costo di gestione delle attività, del personale dipendente e soprattutto il controllo amministrativo di queste strutture, infatti, genera un notevole complessità organizzativa ed economica per la casa madre, costretta in questo modo a misurarsi con problematiche lontane dalla sua core competence industriale.

Anche nel retail nazionale ha iniziato a svilupparsi la formula del franchising: la sua diffusione e il suo successo sono in gran parte attribuiti a una suddivisione più equa dei diritti e dei doveri tra produttore e trade, rispetto ad altri tipi di rapporti commerciali, e a una maggiore condivisione dei rischi e delle opportunità.

 

Il franchisee, una volta accettata la proposta di affiliazione, è avvantaggiato dalla possibilità di utilizzo del marchio in franchising perché, a prescindere dalla notorietà, questa gli consente di essere associato ad un’azienda per la quale contribuisce ad incrementarne la conoscenza e la credibilità nel mercato. Può inoltre godere di tutto il know-how, dell’esperienza e dei vantaggi derivati dal fatto di esser parte di una vasta rete di imprenditori che perseguono le stesse finalità e obiettivi.

Il franchisor, a sua volta, sostituisce il costo dell’investimento di apertura di un punto vendita monomarca diretto con una voce di entrata, rappresentata dal diritto d’ingresso e dalle royalties della propria proposta commerciale. Un vantaggio economicamente non quantificabile, ma sicuramente rilevante, risiede inoltre nel dialogo diretto con il mercato.

Il rischio commerciale e imprenditoriale nella gestione della distribuzione viene quindi suddiviso tra più titolari d’impresa motivati a collaborare per il successo comune delle loro attività.

 

Per queste ragioni, nei mercati più evoluti come gli Stati Uniti, questa formula ha ottenuto un grande successo superando il 30% del totale del fatturato delle vendite al dettaglio (alcolici, automobili e carburanti inclusi), mentre in Francia e in Gran Bretagna oscilla già tra il 15% ed il 20% – escluse le merceologie sopracitate.

Nel mercato italiano i dati sono confortanti, ma decisamente inferiori: il giro d’affari  ottenuto dalle catene di negozi in franchising nel 2018 ha superato i 25 miliardi, consolidando un incremento del 2% rispetto all’anno precedente. Aumentano anche il numero di punti vendita affiliati (+4,5%) e il numero di addetti nel sistema franchising (+3,8%).

Dati sicuramente positivi se consideriamo che, nello stesso periodo dell’anno precedente, il totale delle vendite al dettaglio aveva registrato una variazione negativa dello 0,6% in valore e dello 0,5% in volume.  Ad oggi, si stima che il giro di affari generato dalla distribuzione in franchising sul totale delle vendite al dettaglio in Italia si aggiri intorno al 5%.

Pubblicato il: 02 / 09 / 20 / Categorie: Academy, Magazine /

Iscriviti alla Newsletter

Non perdere le ultime novità, rimani sempre aggiornato sul mondo del franchising!


Privacy Policy