Menu Genialfox

I tuoi annunci e le tue ricerche sempre con te!

Accedi con

oppure

Password dimenticata?

Sei nuovo su GenialFox?

Registrati

Academy

 

Il franchising fa crescere l’Italia

Il Rapporto di Assofranchising sullo sviluppo positivo del 2020

 

Il Rapporto Assofranchising Italia 2020 presentato da Assofranchising – l’Associazione Italiana del Franchising e l’Osservatorio Permanente sul Franchising – riporta i risultati e le tendenze del settore per il nuovo anno e analizza i dati attraverso la lettura dei principali indicatori sulle reti.

 

I dati del 2019 confermano la forza della rete, registrando un +4.4% di giro di affari, con un guadagno di oltre 26 miliardi di euro nel 2019, +5% di occupati e un +4.7% di nuove aperture: numeri che indicano come il franchising in Italia continui ad essere un settore sano e in continuo sviluppo (dati al 31 dicembre 2019).

 

I 56.441 punti vendita inaugurati indicano l’ampio margine di crescita e i nuovi 10.359 nuovi posti di lavoro dimostrano un incremento, rispetto all’anno precedente, degli addetti impiegati nelle reti. Sempre più imprenditori nutrono infatti fiducia nel sistema dei network e contribuiscono alla crescita del mercato.

Ad oggi, si contano 980 insegne operative in Italia (+0.2%), di cui – come specificato dal Rapporto – 880 italiane, 71 master di franchisor stranieri in Italia, 29 reti straniere che operano nel Paese solo con franchisee, ma con sede legale all’estero.

 

Il sud e le isole sono in testa per numero di negozi, con la Sicilia che mantiene il primato dell’area e il terzo posto in Italia, dopo Lombardia e Lazio.
Riguardo invece l’analisi di rapporto tra fee di ingresso e l’investimento iniziale, il Rapporto evidenzia come il 30% delle reti preveda investimenti contenuti e facilmente accessibili, con oltre 1/3 delle insegne che richiede un diritto di ingresso inferiore ai 5.500€ e l’80% che non necessita di esperienza iniziale prima della stipula del contratto in franchising.

 

“In un contesto economico come quello attuale” – spiega Augusto Bandera, Segretario Generale Assofranchising, “appare quasi fisiologico che il franchising, come tutti i modelli fondati sulla cooperazione e sul risk-sharing, sia favorito nella competizione di mercato. Si considerino i benefici per entrambe le parti coinvolte, quali, ad esempio, l’aumento della visibilità e la riconoscibilità a livello nazionale e internazionale del marchio condiviso, il trasferimento del know-how, l’utilizzo della formula imprenditoriale che caratterizza il brand o l’espansione aziendale dettata dalla crescita dei punti vendita”.

 

Leggi alcuni suggerimenti su come individuare un nuovo business in franchising!

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trova il franchising più adatto a te!

Hai deciso di cambiare vita e di aprire una nuova attività, ma non hai ancora le idee chiare su quale sia il franchising migliore o il prodotto che meglio racconta la tua passione? GenialFox ti aiuta a scoprirlo!

GenialTest